www.dolcepiemonte.com

lunedì 18 ottobre 2010

PARTE L'OBBLIGO DEI SACCHETTI BIODEGRADABILI

«Anche due sacchetti, grazie». Frase di rito, quando alla cassa non sai ancora bene come raccapezzarti tra pacchi di rigatoni, biscotti e smacchiatori a presa rapida. Di rito, sì, ma da eliminare ben presto dal breviario della brava massaia: niente sacchetti, solo borse ecologiche in propilene, buste pieghevoli in cotone o ancora il simpatico borsone in juta direttamente dal Brasile, che dopo aver trasportato aromatici chicchi di caffè si prepara al nuovo look di borsa da città. Insomma, ai supermercati e ipermercati Coop l'avvio al consumo consapevole, ecologico e «risparmioso» è già iniziato, con un anticipo di quasi tre mesi sulla legge che dal primo gennaio 2011 prevede il ritiro assoluto dei sacchetti di plastica. «Modificare le nostre abitudini di consumo - dice Francesco Berardini, Presidente di Coop Liguria - è fondamentale per evitare conseguenze drammatiche su clima ed eco-sistema». Ma niente paura: se ancora non è facile ricordarsi, oltre a cellulare e portafoglio, l'intelligente sporta colorata, c'è sempre il sacchetto in Mater Bi, al solito posto sotto la cassa, simile al cugino «plasticacelo» ma derivato dal mais e biodegradabile in poco tempo, perfettamente utilizzabile anche per la raccolta dei rifiuti. In attesa, però, di abbandonare del tutto la cultura «usa e getta» e di avere sempre con sé una sporta riutilizzabile. E già che ci siamo, diamo un'occhiata a cosa c'è nel carrello. Via la bottiglietta dell'acqua minerale (se proprio non possiamo farne a meno, scegliamo le fonti più vicine per abbattere i costi di trasporto) e largo alle borracce con acqua di casa. «Acqua di casa mia» è il nome della campagna nazionale di Coop che riporta in auge l'acqua del «bronzino»: controllata, sicura e decisamente meno costosa, eventualmente «migliorata» da caraffe filtranti e gasatori già reperibili direttamente ai banchi di vendita del supermercato.


Articolo tratto da IL GIORNALE.IT

1 commento:

Franca ha detto...

Come in tutte le cose, è solo questione di abitudine... un pò alla volta ci abitueremo a portarci la sporta per la spesa, esattamente come facevano le nostre nonne... Noi, abituati a ogni comodità, questo aspetto di risparmio ecologico e finanziario non lo abbiamo mai preso in considerazione, ora invece saremo obbligati a farlo e questo porterà tanti di quell'inquinamento in meno che ne varrà davvero la pena..