www.dolcepiemonte.com

martedì 7 dicembre 2010

LA PLASTICA E' SOSTENIBILE?

Senza materie plastiche verrebbero consumate più energia e più gas serra. Questa è la conclusione tratta da uno studio che è stato commissionato da PlasticsEurope che cercava una risposta alla domanda: le materie plastiche sono sostenibili? 

In confronto con altri materiali in Europa, la plastica soffre ancora di una immagine piuttosto brutta per quanto riguarda gli aspetti ambientali e il consumo di risorse. A causa di uno studio che è stato commissionato dall'associazione dei produttori di materie plastiche chiamato PlasticsEurope eV, Denkstatt-GmbH ha studiato gli effetti reali dei prodotti tipici della plastica durante il loro intero ciclo di vita attraverso il suo studio dal titolo "Gli effetti della plastica su consumi energetici e emissioni di gas serra in Europa ". Lo studio si concentra sugli effetti sul consumo di energia e cambiamenti climatici. 

Il contributo positivo di materie plastiche fossili 

Per quanto riguarda gli esempi di prodotti in plastica che sono stati esaminati in dettaglio, riguardano esclusivamente materie plastiche che sono prodotte da fonti energetiche fossili, anche se il ruolo delle fonti rinnovabili sta diventando sempre più importante nel settore delle materie plastiche.Secondo PlasticsEurope, l'obiettivo dello studio è stato in primo luogo per documentare che l'uso di materie plastiche fossile fa anche un contributo positivo al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica e protezione del clima. 

La prima parte dello studio aggiorna un precedente studio dagli anni 2004/2005. In questo caso, il mercato complessivo dei prodotti in plastica sostituibili viene confrontato con il mix di materiali alternativi. La seconda parte tratta degli effetti benefici della plastica per quanto riguarda il miglioramento dell'efficienza energetica e la protezione del clima, ora e in futuro e, come afferma nell'introduzione, a posto "le cose nella giusta luce". 

Durante la produzione di prodotti di plastica, le risorse energetiche che vengono utilizzati in gran parte sono da fonti non rinnovabili il cui consumo provoca il rilascio di gas serra. Tuttavia - sulla base dei risultati dello studio - anche più delle emissioni di CO2 sarebbe creato se i prodotti di plastica sono state sostituite da materiali alternativi. 



Utilizzo di materie plastiche - risparmio di risorse 

I risultati hanno mostrato che l'energia che è necessaria per la produzione, uso, valorizzazione e smaltimento di materie plastiche in Europa è attualmente ca. Gigajoule 4.300 milioni / anno, mentre le emissioni globali di gas serra è di ca. 200 milioni di tonnellate all'anno. 

Lo studio è giunto alla conclusione che i prodotti di plastica soprattutto contribuire al risparmio energetico e la riduzione dei gas ad effetto serra a tal punto che hanno sostituito i materiali tradizionali. Sia il consumo di energia così come anche la quantità di gas serra emessi aumenterebbero considerevolmente se i prodotti di plastica dovrebbe essere sostituito da altri materiali, fino ad un massimo teorico. Ad esempio, Denkstatt aveva calcolato che, se la sostituzione di materie plastiche in tutta Europa un aumento del consumo di energia di ca. 2.100 gigajoule, la quantità di gas serra emessi aumenterebbe di 110 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. Denkstatt vede ancora un grande potenziale per la plastica nel futuro: quindi, nel 2020, i vantaggi di utilizzo stimate potrebbero essere nove a quindici volte superiore a quello delle emissioni derivanti dalla produzione e gestione dei rifiuti. Il risparmio energetico stimato sarebbe naturalmente variare in base alla sfera di applicazione con cui imballaggio naturalmente svolgere un ruolo più importante. 

Esempio di packaging alimentare 

Una ramificazione importante è anche la perdite evitate attraverso l'uso di prodotti di plastica, ad esempio, dei prodotti alimentari attraverso l'imballaggio protettivo. Così, imballaggi di plastica impedisce spesso i prodotti alimentari freschi da rovinare troppo veloce. Le perdite di prodotto alimentare così evitato allo stesso modo significa meno consumo di energia e di gas serra che sarebbero associati con la produzione di nuovi alimenti. Secondo lo studio, la stima ha mostrato che i benefici di CO2 delle perdite di derrate alimentari che vengono evitati sono 4-9 volte più alto nel campo di applicazione del 10 al 20 per cento del prodotto di massa che le emissioni di CO2 che si creano durante la produzione di l'imballaggio. Gli effetti benefici avrebbe un effetto molto più ampio su emissioni di gas serra rispetto alla produzione del packaging per questa sfera di applicazione. 

Se si assume che il 70 per cento di tutti gli imballaggi alimentari - quindi anche da altri materiali - previene la perdita del 20 per cento dei prodotti alimentari confezionati e che il rapporto di CO2 stesso esiste per la fabbricazione di imballaggi e la produzione di prodotti alimentari come negli esempi di cui sopra, quindi la prestazione corrispondente di CO2 per imballaggi alimentari in plastica è stimata in 190 milioni di tonnellate di emissioni di CO2, si afferma ulteriormente. Impedendo la ca di cui sopra. dieci per cento di perdita dei prodotti alimentari, altri 22 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra potrebbero essere evitate, secondo le stime dello studio. 

Lo studio completo è disponibile per il download all'indirizzo www.plasticseurope.org. 
-www.plasticseurope.org



ARTICOLO TRADOTTO DAL SITO http://www.interpack.de

2 commenti:

Anonimo ha detto...

hi, new to the site, thanks.

Anonimo ha detto...

www.ilbiodegradabile.it bioshop di rossella carletti