giovedì 12 marzo 2020

L'innovazione israeliana che può mettere fine agli imballaggi in plastica

Oltre a produrre vassoi monouso in plastica e alluminio, W-Cycle ha brevettato "SupraPulp"  un prodotto da imballaggio che si basa sulla polpa di canna da zucchero, nota come "bagasse".

photo credit: W-CYCLE


Le materie plastiche sono ovunque. Spesso descritto come il materiale del 21 ° secolo, la plastica si trova nei nostri abiti in poliestere, nei nostri mobili da esterno e nei nostri contenitori per alimenti da supermercato.

Nel 2018 sono state prodotte in tutto il mondo circa 360 milioni di tonnellate di plastica e il consumo mondiale continua a crescere rapidamente. La stragrande maggioranza di essi, oltre il 90%, finisce nella discarica o nell'ambiente naturale, impiegando più di 400 anni a decomporsi nei nostri oceani e fino a circa 1.000 anni in discariche.

Combinando decenni di esperienza nel settore dell'imballaggio e delle industrie hi-tech, gli imprenditori israeliani Joseph Siani e Lior Itai hanno deciso di unire le forze e affrontare la sfida intimidatoria di produrre un'alternativa alla plastica inquinante. Hanno riconosciuto che una soluzione  alla sfida globale non era impossibile.

Insieme, hanno fondato W-Cycle, una start-up che sviluppa soluzioni di imballaggio compostabili per affrontare le masse di plastica C-PET utilizzate nell'enorme industria degli imballaggi pronti. Invece di produrre vassoi monouso in plastica e alluminio, il prodotto di imballaggio brevettato "SupraPulp" di W-Cycle si basa sulla polpa di canna da zucchero, nota come bagasse.

“La nostra strategia era quella di prendere qualcosa di ampiamente disponibile là fuori, senza la necessità di investire molto nella generazione [materiale]. Quindi ci siamo concentrati su una soluzione a base di cellulosa e su come riutilizzare alcuni sottoprodotti del settore ”, ha affermato Itai, che ricopre il ruolo di CEO dell'azienda con sede nel Kibbutz Gan Shmuel. “Ci siamo concentrati sull'industria dello zucchero, che prende la canna da zucchero, la elabora e estrae lo zucchero. Ci sono tonnellate di rifiuti, solo polpa, ed è un'ottima materia prima. "

Dopo quattro anni di attività di ricerca e sviluppo, il materiale di W-Cycle ora può essere congelato a -40 ° C ed essere riscaldato in forno a 250 ° C. Di fondamentale importanza per l'industria alimentare, il materiale è interamente idrorepellente (repellente ai liquidi). Dopo l'uso, la confezione può essere gettata in un cestino marrone come rifiuto organico o, in alternativa, nel cestino per la carta.
"SupraPulp è realizzato al 100% con materiali naturali e non emette tossine o metalli pesanti", ha affermato Itai. "È uguale a una foglia di banana, nel senso che è completamente naturale e compostabile al 100%."

La soluzione basata sui sottoprodotti presenta vantaggi rispetto alle alternative "verdi" esistenti, ha sottolineato, poiché le bioplastiche prodotte principalmente da amido di mais richiedono la produzione della materia prima. Altri prodotti a base di cellulosa, realizzati con piante viventi, spesso includono un sottile rivestimento di plastica per evitare che la polpa assorba l'acqua.
La società è attualmente in trattative avanzate con i produttori di piatti pronti e una serie di importanti compagnie di catering per compagnie aeree dall'Europa e dall'Estremo Oriente. La società ha già annunciato una partnership con Neto, un importante gruppo alimentare israeliano.
"Vogliamo creare un prodotto che sia altrettanto economico e buono come quello a cui le persone sono abituate", ha detto Siani. "Se guardi il contenuto di materiale, la polpa è molto più forte della plastica - ed è più economica."

La soluzione di W-Cycle sembra essere arrivata al momento giusto, con le compagnie aeree che stanno sempre più considerando come ridurre i rifiuti di plastica e il loro impatto ambientale complessivo. Emirates, Ryanair e la compagnia aerea charter portoghese Hi Fly hanno tutti fatto progressi significativi nella riduzione della dipendenza dalla plastica o si sono impegnati a diventare completamente privi di plastica nei prossimi anni.

Ulteriori mercati target includono le grandi istituzioni che devono distribuire molti pasti in imballaggi monouso, inclusi ospedali, carceri e scuole.

“La principale motivazione oggi per trovare alternative è che le persone si rendono conto che la plastica è dannosa per l'ambiente. Di conseguenza, puoi vedere sempre più paesi che iniziano a legiferare su diverse leggi per vietare l'uso della plastica ", ha affermato Itai. "Questo tipo di pressione risale al settore e devono affrontare la sfida. Quando incontriamo gli investitori, sono sinceramente interessati a come rendere il mondo un posto migliore, sia attraverso prodotti riciclabili che compostabili ".

Nessun commento: